Facebook Twitter Youtube Picasa

PARTNER TECNICI

 

 

Newsletter










 

La FIGMMA su delega di  FIJLKAM e FIWUK, Federazioni del CONI, gestisce gli sport

GRAPPLING, BRAZILIAN JIU JITSU e MMA

Campionato Europeo di Grappling 2018 - Resoconto del Direttore Tecnico Bernardo Serrini

Campionato Europeo di Grappling 2018 - Resoconto del Direttore Tecnico Bernardo Serrini

L'europeo UWW 2018 si è svolto nella repubblica del Daghestan, insieme all'europeo di libera e grecoromana.
Il villaggio olimpico dove gli atleti sono stati alloggiati era di primordine, con un bellissimo Hotel affacciato sul Mar Caspio e una ssistemazione in camere di prim'ordine.
La nazionale italiana si è molto ben comportata, portando a casa 6 bronzi collettivi con gli uomini ed 1 oro, 2 argenti e 3 bronzi con le ragazze.
Prestazione maiuscola della nostra 58 kg Barbara Cariani, che si aggiudica l'oro nel no gi, alla sua prima partecipazione internazionale.
Ma veniamo alle prestazioni dei singoli atleti:

Barbara Cariani - Oro 58kg no gi-Bronzo 58kg gi
Giovanissima età e cattiveria agonistica da vendere. Mette in fila una per una l'atleta ungherese, russa e spagnola, il primo giorno nel no gi. 
Si arrende solo alla stessa Minerva Montero nel gi il giorno successivo, battendo poi nella finale per il terzo posto l'atleta russa.

Ingrid Pavese - 64 kg
Parte un pò contratta, visibilmente emozionata per questo impegno internazionale.
In più ci si mette anche la sfortuna, con un brutto infortunio al ginocchio incorsole nella prima lotta vinta nel no gi.
Non riesce a fare podio e purtroppo neanche a partecipare nel gi, la sua specialità, il giorno successivo.

Irene Mungai - Argento - 71 no gi-Argento -71 gi
Notevolmente migliorata al suolo, con il solito solido judo in piedi.
Potrebbero essere due ori se solo credesse di più nelle sue notevoli capacità.
Spara un tremendo takedown all'atleta russa nel no gi.
Bella prova ed ancora con grandi margini di miglioramento.

Giada Chioso - Bronzo +71 no gi - Bronzo +71 gi

Categoria non affollatissima per la milanese che si batte col coltello fra i denti, ma non riesce ad imporre il suo judo in piedi. Due bronzi per lei, ma da migliorare il gioco al suolo.

Andrea Colazingari - Bromzo -62 no gi
Buona prova del ragazzo di Frosinone, che vince 2 lotte e ne perde 2, in un girone all'italiana piuttosto ostico. Considerato che non aveva un ginocchio al meglio, è una prova davvero di valore.

Davide Baggieri - Bronzo 66 no gi-bronzo 66 gi

Davide ha delle doti grandi e quando lotta col suo stile aggressivo è un avversario ostico per tutti. Porta a casa due bronzi e si dichiara non soddisfatto della sua prestazione.
Ci piace!

Marco Gavino - Bronzo -66kg gi
Non brillante nel rompere il ghiaccio no gi, si rifà il giorno dopo con una prova maiuscola, vincendo due incontri (uno per finalizzazione), mostrando una insidiosissima lapel guard.
Memorabile il match per il terzo posto contro l'atleta bielorusso, a cui fa uno score di 6 punti in 30 secondi, ribaltando le sorti di un match fino a lì in ascesa. Grande ribaltamento in 360 e monta annessa!
Epico!

Federico Pasquali - 71kg no gi
A lui l'ingrato compito di aprire i giochi, col primo match di tutta la giornata.
Eccesso di confidenza forse, ma si fa sorprendere da un takedown della cintura nera polacca, a cui non riesce più a recuperare i punti.
Peccato!

Valerio Perazza - 71kg gi
Non riesce ad esprimersi al massimo il ragazzo abruzzese. Buon lavoro tecnico, ma avversari ostici e con cattiveria agonistica maggiore.
Da rivedere!

Gianluca Redaelli - 77kg no gi-77kg gi
Vince una lotta molto bene e si ferma per decisione arbitrale molto dubbia nel mentre era in vantaggio 4-2 contro il campione europeo e mondiale Kuddur.
Peccato, soprattutto per l'errore arbitrale, che non ci stava davvero.

Matteo Ronca - Bronzo -77 gi
Perde la prima lotta in cui da veramente tutto giocandosela fino alla fine. Vince molto bene la finalina per il terzo posto, salendo finalmente su un podio strameritato.
Bravo!

Jacopo Pasquini - 84kg nog-84kg gi
Batte molto bene il veterano atleta spagnolo, giocando con la sua single X. Se la gioca alla pari anche con gli altri avversari, perdendo di pochissimi punti.
Bella prova!

Nicola Stefanelli - 92kg no gi-92kg gi
Due lotte perse, ma a dispetto di ciò una buona prestazione a mio avviso.
Tiene in scacco per più di metà lotta la cintura nera polacca Baginski, a cui cede gli unici punti per un errore di inesperienza.

Giuseppe Volo -100kg no gi-100kg gi

Categoria impossibile per lui, con Bilarov, Umarov ed il compagno di nazionale Tomasetti.
Si batte bene, sfiorando la vittoria nell'incontro finale del gi contro l'azerbaijiano (bello sweep dalla deep half guard), ma nulla può contro gli altri.

Ivan Tomasetti - bronzo -100kg gi
Lancia Bilarov con la tecnica più bella del giorno. Non è al meglio della forma e si vede, ma riesce ugualmente a regalare alla nazionale italiana una medaglia.
Complimenti al leone di sempre.

 

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information