Facebook Twitter Youtube Picasa

PARTNER TECNICI

 

 

Newsletter










 

La FIGMMA su delega di  FIJLKAM e FIWUK, Federazioni del CONI, gestisce gli sport

GRAPPLING NO-GI, BJJ/GRAPPLING GI e MMA

Campionato Europeo UWW Sassari - 5 - 6 Giugno (resoconto di Bernardo Serrini)

Campionato Europeo UWW Sassari - 5 - 6 Giugno (resoconto di Bernardo Serrini)

Il 5 e 6 Giugno scorso, per la prima volta in Italia, si sono svolti i campionati europei della UWW (United World Wrestling) per la disciplina del grappling. Location scelta, una delle più belle d’Italia: la Sardegna (Sassari).

Sono stato onorato di esser nuovamente il coach di questa nazionale, che ancora una volta, seppur orfana di una colonna come Ivan Tomasetti (infortunio al mondiale) e di Roberta Russo nella +71 femminile, si è molto ben comportata.

Nel Grappling No-Gi l'Italia ha conquistato 2 Ori con Martina Baraccani e Rita Tana, 4 Argenti con Alessio Vittori, Maria Pia Pacchiarotta, Ivan Gazzoli e Alessandro Frezza e 2 bronzi con Marcel Sasso De Oliveira e Angelo Marino

Nel Grappling Gi l'Italia ha conquistato 3 Ori con Christian Longo, Rita Tana e Martina Baraccani, 1 Argento con Alessandro Frezza e 5 bronzi con Maria Pia Pacchiarotta, Marcel Sasso De Oliveira, Alessio Vittori, Marino Angelo .

Nella classifica per nazioni ha prevalso la Russia in entrambi gli stili di Grappling e al secondo posto l’Ucraina.

Di seguito le performance atleta per atleta:

Maria Pia Pacchiarotta:

Alla prima esperienza internazionale, porta a casa un argento ed un bronzo…fa vedere gran cuore, una tecnica di gran lunga migliorata ed uno spirito indomito. Da migliorare un po’ il gioco in piedi.

Rita Tana:

2 ori con tutte belle prestazioni. Le migliore prova fin quà vista per questa ragazza, neo cintura marrone, sempre presente, col sorriso, sui tatami d’Italia e non.

Complimenti

Martina Baraccani:

2 ori anche per lei….Non ce n’è per nessuno. Tira fuori rabbia, cattiveria agonistica ed una tecnica ottima. Da manuale il suo armlock saltato.

Una garanzia

Marcel Leteri Sasso:

Meno in auge del solito, un po’ sfortunato e penalizzato dagli arbitri, tira fuori il carattere e mostra la solita tecnica da cintura nera blasonata. 2 bronzi per lui, strappati coi denti…E questo, in una giornata storta, conta doppio!

Esempio!

Alessio Vittori:

1 argento ed un bronzo. Buona tecnica sempre, specialmente dalla guardia. Una delle migliori rivelazioni del torneo.

Alessio Di Liberti:

Non a podio, in quella che si dimostra una delle categorie più difficili del torneo. Lotta come un leone, ma si arrende ad un avversario più giovane e veloce.

Peccato

Alessandro Federico:

Poco fortunato…a 45 anni, in campo internazionale, fa vedere comunque la solita prova di valore.

Colonna del gruppo ed atleta ancora ai massimi livelli!

Altro esempio!

Simone Serra:

Giovane e sempre al meglio nelle occasioni importanti. Vince bene la prima lotta, perde la seconda col vincitore e la finalina per un errore.

Si rifarà, ha solo 23 anni.

Christian longo:

Oro meritatissimo col gi….3 lotte 3 capolavori. Ottima guardia, bei passaggi e un cecchino nelle finalizzazioni. In più osa, che non è cosa da poco a questi livelli!

Un talento!

Ivan Gazzoli:

Argento all’esordio in campo internazionale (e scusate se è poco). La sua scuola è una garanzia, cosi come il suo comportamento fuori e dentro la materassina. Grandi attacchi alle gambe e lavoro da mezza guardia!

Solido!

Angelo Marino:

Non al meglio, porta comunque a casa 2 bronzi. Penalizzato troppo dagli arbitri per il gioco un po’ rinunciatario, prova positiva comunque per il risultato ed il medagliere.

Alessandro Frezza:

2 argenti ed un killer “nuovo” di Achille’s lock, per l’Italia. Si arrende solo allo spagnolo Espino.

Buone posizioni, bei takedown dal judo e lavoro a terra molto migliorato.

Roccia!

 

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information